Premio Letterario
Internazionale Ceppo Pistoia

23 Marzo 2012

56° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia

Comunicato stampa 10 finalisti al Premio Selezione Ceppo e definizione Premio Ceppo Ragazzi e Ceppo Natura

Sono 10 fra giovani e affermati scrittori di racconti i finalisti del Premio Ceppo • I premi speciali • Le novità della 56° edizione.

I dieci scrittori finalisti

Roberto Barbolini, di Modena, 1951.
Enza Buono, di Bari, 1939.
Ugo Cornia, di Modena, 1965.
Antonio Debenedetti, di Roma, 1937.
Marco Mancassola di Vicenza, 1973.
Vincenzo Pardini della Media Val di Serchio (Lucca), 1950.
Elisabetta Severina, di Milano, 1959.
Antonio Tabucchi, di Pisa, 1943.
Marco Vichi, di Firenze, 1957.
Jole Zanetti, di Trieste.
La Giuria del Ceppo, riunitasi nella Sala Piero Bigongiari della Biblioteca San Giorgio sabato mattina 28 gennaio 2012, ha individuato la rosa dei 10 libri di racconti finalisti.

I nomi sono stati comunicati durante la conferenza stampa indetta dall’Accademia Pistoiese del Ceppo, cui hanno partecipato l’assessore alla cultura del Comune di Pistoia Mirco Vannucchi, i giurati, i giornalisti e i rappresentanti degli sponsor.
Dichiarazione dell’assessore alla cultura del Comune di Pistoia Mirco Vannucchi.

“Si tratta di un Premio importante che dà lustro alla città perché vi partecipano scrittori importanti che portano il nome di Pistoia al di fuori dei confini provinciali e regionali. L’iniziativa è nata come progetto culturale e negli ultimi anni si è trasformata anche in progetto educativo con il coinvolgimento dei più giovani e delle scuole. Anche gli studenti, grazie al concorso del Ceppo ragazzi, vengono stimolati a leggere, scrivere e fare recensioni. Una pratica che li aiuta a sviluppare quel senso critico e quella capacità di analisi e sintesi utili poi per tutta la vita. Mi piace pensare che un Premio nato oltre cinquant’anni fa sappia sempre rinnovarsi ed ampliare la sua platea anche al mondo dei ragazzi”.
Dichiarazione di Paolo Fabrizio Iacuzzi, direttore artistico dell’Accademia e presidente della Giuria:

Hanno finalmente un nome i dieci scrittori finalisti del Premio letterario Internazionale Ceppo Pistoia, quest’anno dedicato al racconto, scelti da una base di oltre 50 volumi pubblicati fra il 2010 e il 2011 dalle maggiori case editrici italiane.
Non è stato un compito facile per la giuria di un premio da sempre libero da schemi, preconcetti e barriere che può contare per il 2012 sulla presenza delle maggiori case editrici italiane: ben due le opere finaliste pubblicate da Fandango e Garzanti, ma anche Einaudi, Guanda, Sellerio. Non mancano anche case editrici coraggiose come Instar Libri, Nottetempo e Quodlibet.
L’11 febbraio, dopo l’ultima riunione della Giuria, verrà resa nota la terna dei finalisti al Premio Il Ceppo che si sfideranno sabato pomeriggio 24 marzo nella Sala Maggiore del Palazzo Comunale e sui quali i ragazzi delle scuole superiori faranno le recensioni animate (che è la grande novità di quest’anno), autori che i ragazzi e la Giuria dei Giovani lettori (15-35 anni) incontreranno sabato mattina 24 marzo al Teatro Bolognini.
Infatti, il Premio Internazionale Ceppo Pistoia quest’anno è diventato un vero e proprio Progetto educativo Ceppo Ragazzi – Lettori Uniti del Ceppo, grazie alla collaborazione col Comune di Pistoia e agli sponsor, fra cui Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e Fondazione Caript, Azienda Piante Mati: dalla scuola dell’infanzia alla primaria alla secondaria superiore e fino ai ragazzi di 35 anni, tutti coinvolti nel progetto della promozione della lettura e della scrittura, che coinvolge, oltre alle scuole, sia la Biblioteca San Giorgio sia l’Ospedale del Ceppo in un rapporto fra istruzione e cultura che è la missione dell’Accademia del Ceppo. Le iscrizioni al Premio Laboratorio Ceppo Ragazzi sono ancora aperte, e stanno arrivando numerose alla mail cepporagazzi@gmail.com . Dunque un grande successo anche quest’anno.

 


La rosa dei 10 libri finalisti, selezionati dalla Giuria, tutti usciti nel biennio 2010-2011. Gli scrittori partecipano alla selezione finale dei tre libri che concorreranno al Premio Ceppo. In ordine alfabetico, con alcune motivazioni della scelta:

 

1 Roberto Barbolini, Ricette di famiglia, Garzanti
Malgrado il sottotitolo lo definisca “un romanzo in cui si fondono sapori, sentimenti e buona cucina”, il libro è un insieme di racconti avvincenti come cortometraggi tenuti insieme da un filo corale che, da Modena, racconta la storia inattuale fatta di nonne coi capelli bianchi tinti di azzurro, calligrafie ordinate, tate e rigidi divieti che in fondo tanto rigidi non erano.

2 Enza Buono, Pettegolezzi di condominio e altri racconti, Nottetempo
Una scrittura limpida e pacata redige una sorta di genealogia degli affetti familiari, con personaggi che, quasi in una ricerca del tempo perduto, si ritrovano a catalogare i ricordi di famiglia per tentare di ricostruire il passato e rimediare così alle assenze del presente.

3 Ugo Cornia, Operette ipotetiche, Quodlibet
La cinica e ironica, ma profonda riflessione sull’esistenza condotta con stile rapsodico, freschezza e vivacità narrativa di rara maestria che fa di Ugo Cornia il degno erede della prosa immaginifica di Saint-Exupéry.

4 Antonio De Benedetti, Il tempo degli angeli e degli assassini, Fandango
La messa in scena del senso di disorientamento nelle relazioni umane: le ossesioni e le interrogazioni di uomini e donne, affetti da un eccesso di protagonismo, animati da un irrefrenabile desiderio di esserci che diventa ansia da prestazione e sfocia in comportamenti maniacali e nell’inevitabile senso di frustrazione finale.

5 Marco Mancassola, Noi non saremo confusi per sempre, Einaudi
Un’operazione quasi “calviniana”, che riprende cinque fatti di cronaca che negli ultimi trenta anni hanno scosso l’opinione pubblica e ne modifica la percezione, tanto che il mero fatto e il reportage del dolore si trasformano in una sorprendente possibilità di rinnovamento e di scoperta.

6 Vincenzo Pardini, Il viaggio dell’orsa, Fandango
L’incontro con la natura diventa uno spunto di riflessione sull’essere umano, in una scrittura che ha il sapore dell’avventura: dalla Garfagnana al Messico, le novelle di uno scrittore che sa coniugare l’epica dei contadini e degli emigranti alla pietà per il mondo animale.

7 Elisabetta Severina, Se anche tu non fossi il mio, Instar libri
Scritte con tocco delicato e attenta indagine psicologica, le tredici storie si intrecciano sino a formare una trama dove il comune denominatore è la figura del padre, indagato nel suo quotidiano relazionarsi con i figli.

8 Antonio Tabucchi, Racconti con figure, Sellerio
Le immagini tradotte in musica attraverso le parole, il vagabondare in una vita a quadri dove il mistero è sempre in agguato, come se i pittori e i loro quadri emergessero dal sottofondo di un cassetto per reclamarne l’esistenza.

9 Marco Vichi, Buio d’amore, Guanda
I racconti di un amore faustiano, fatto di dannazione ed elevazione, dove la ricerca è già in qualche modo una conquista: le indagini, intime e personali, che seguono le tracce, tra paesaggi esotici e notti fiorentine, di un’unica ombra, quella del’io protagonista.

10 Jole Zanetti, Racconti sgradevoli, Garzanti
Un linguaggio crudo, essenziale e un ritmo incalzante come quello dei pensieri che si susseguono nel momento cruciale della risoluzione: i racconti di una volontà di ribellione a uno stato di rassegnata prostrazione scritti da una donna che ripensa a storie e verità che possono anche essere assai sgradevoli.



Proclamazione dei vincitori dei due premi speciali:

Ceppo Ragazzi 2012 a Erminia Dell’Oro, vive Milano
Ceppo Natura 2012 a Tiziano Fratus, vive in un villaggio delle alpi in Piemonte.

Erminia Dell’Oro (http://www.erminiadelloro.com/)è nata ad Asmara (Eritrea), dove suo nonno paterno si stabilì nel 1896. Si è trasferita a Milano, ma ha sempre mantenuto stretti contatti con il popolo eritreo, scrivendo numerosi reportage, anche come inviata durante la guerra Eritrea-Etiopia.Ha scritto libri per adulti e ragazzi, alcuni legati alle tematiche del colonialismo italiano, della Shoà, delle guerre e delle recenti e drammatiche immigrazioni.
Il suo libro “Dall’altra parte del mare” (Piemme, Milano 2005), con il quale vince il Ceppo Ragazzi 2012 per uno scrittore per l’infanzia e l’adolescenza racconta la fuga della piccola Elen e di sua madre dall’Eritrea in guerra nella speranza di una vita migliore: è già un classico dell’intercutura ed è fra i 12 libri finalisti del Premio laboratorio Ceppo Ragazzi 2011-12. Per saperne di più sul libro e scaricare materiali didattici: http://www.battelloavapore.it/ .

Tiziano Fratus (http://www.homoradix.com) scrittore, viaggiatore e cercatore d’alberi munumentali, è nato a Bergamo nel 1975. Dirige la collana “Taccuini per cercatori di alberi” per le Edizioni della Meridiana di Firenze. Come poeta ha pubblicato diverse raccolte di liriche, mentre sue poesie sono state tradotte e pubblicate in Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Portogallo, Argentina, Slovacchia, Polonia e Brasile.
“Homo Radix. Appunti per un cercatore di alberi” (Marco Valerio, Torino 2010), con il quale vince il Ceppo Natura 2012, fa parte di una trilogia di opere legate alla natura, all’identità e agli alberi monumentali che comprende anche: “Le bocche di legno. Guida arborea del Piemonte”, “Giona delle sequoie. In viaggio per l’Italia”, entrambi di prossima uscita.
Ha allestito diverse personali fotografiche dedicate al paesaggio arboreo monumentale italiano ed internazionale. Disegna itinerari e guida passeggiate per cercatori di alberi. Ha fondato e diretto, dal 2005 al 2010, le Edizioni della Manifattura Torino Poesia. Vive in un villaggio ai piedi delle Alpi Cozie, in Piemonte.


Le giurie del Premio

La Giuria del Premio Ceppo è composta da 8 membri: Paolo Fabrizio Iacuzzi (presidente), Alberto Bertoni, Martha Canfield, Milo De Angelis, Giuliano Livi, Giusi Quarenghi, Vitaliano Trevisan, Ilaria Tagliaferri.

La Giuria dei Giovani Lettori è composta da 21 membri di età fra i 15 e i 35 anni e verrà resa nota l’11 febbraio.



Le novità del programma della 56 edizione del Ceppo.

Nel corso della conferenza stampa è stato reso noto anche il programma delle cerimonie di premiazione della settima edizione della manifestazione culturale “Il tempo del Ceppo, che comprende sia la 56 edizione del premio Ceppo internazionale sia la 2° edizione del Premio Ceppo Ragazzi.
L’edizione si svolgerà nella settimana dal 18 al 24 marzo 2012, e prevede, fra le altre iniziative (il programma completo sarà comunicato a marzo), le seguenti novità:

18 marzo, pomeriggio, Azienda Agricola Piante Mati
• Cerimonia di premiazione del Ceppo Natura alla presenza del giovane scrittore Tiziano Fratus.

20 marzo, pomeriggio, Ospedale del Ceppo
• Cerimonia di premiazione del Ceppo Ragazzi (scuole secondarie di primo grado) per la recensione di una poesia su ceramica invetriata in occasione del 500° anniversario delle formelle di ceramica invetriata del Ceppo.

21 marzo, pomeriggio, Biblioteca San Giorgio
• Cerimonia di premiazione della sezione Ceppo Ragazzi a Erminia Dell’Oro e dei ragazzi partecipanti al premio laboratorio Ceppo Ragazzi per sezione scritta e multimediale.

22 marzo, pomeriggio, Palazzo Bastogi della Regione Toscana, Firenze
• Cerimonia della lectio magistralis del poeta internazionale su arte e poesia.

24 marzo, Teatro Bolognini, mattina
• Cerimonia di premiazione del Ceppo ragazzi sezione dai 15 ai 35 anni

24 marzo, Sala Maggiore del Palazzo Comunale, pomeriggio
• Cerimonia di premiazione e recital del premio Ceppo internazionale, incontro con i tre finalisti del Premio Selezione Ceppo e proclamazione in diretta del vincitore del Ceppo da parte della Giuria dei Giovani Lettori.

 

56° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia
2° Premio Laboratorio Ceppo Ragazzi
Progetto Educativo Lettori Uniti del Ceppo


Programma della VII EDIZIONE • IL TEMPO DEL CEPPO

• Giovedì 15 marzo 9.30 • I. C. di Montale a Tobbiana.
Inizio del 1° Stage formativo. Incontro dei ragazzi del liceo pedagogico-sociale Vannucci e scientifico Mantellate con ragazzi della scuola dell’infanzia e primaria. Lettura di testi per l’infanzia sul tema della natura. Coordina: L.C. Degl’Innocenti con l’animatore teatrale C. Armato.

• Venerdì 16 marzo, 17.00 • TVL “Senza chiedere il permesso”.
Presentazione del Progetto e letture dei ragazzi dei licei Vannucci e Mantellate. Partecipano insegnanti e alunni delle scuole primarie di Tobbiana. Coordina P.F. Iacuzzi. Partecipa C. Armato, I. Tagliaferri, G. Livi.

• Domenica 18 marzo, 16.30 • Azienda Agricola Piante Mati, via Bonellina, 68. Premiazione di Tiziano Fratus (Ceppo Natura). Conduce P.F. Iacuzzi. Presentano Andrea, Francesco e Paolo Mati. Interviene M. Canfield, R. Ferretti, D. Capecchi. Musiche di A. Mati. Partecipano ragazzi dell’Istituto Agrario De Franceschi con G. Sgueglia.

• Martedì 20 marzo 16.30 • Museo Pistoia Sotterranea (Ospedale del Ceppo). Premiazione recensioni su ceramica di poesie dei vincitori del Ceppo. Interviene L. Angioli, C. Rafanelli. Partecipano studenti Liceo Artistico con scultore Papotto. Mostra ceramiche fino al 31 marzo.

• Mercoledì 21 marzo 16.30 • Auditorium Terzani, Biblioteca San Giorgio.
Premiazione recensioni scritte e multimediali. Premiazione di Erminia Dell’Oro (Ceppo Ragazzi per l’infanzia e l’adolescenza). Interventi: M.S. Rasetti, G. Quarenghi, I. Tagliaferri, C.I. Salviati, G. Porciatti. Partecipano i Lettori Uniti del Ceppo con letture da “Dall’altra parte del mare” di Erminia Dell’Oro.

• Giovedi 22 marzo 10.00 • Scuola primaria Rodari (Agliana).
E. Dell’Oro incontra ragazzi e insegnanti. Conduce C. Rafanelli.

• Giovedì 22 marzo, 16.00 • Villa Smilea (Montale).
E. Dell’Oro incontra ragazzi e insegnanti. Presentano L.C. Degl’Innocenti e C. Rafanelli. Donazione dei libri dell’Accademia del Ceppo alla biblioteca con G. Livi.

• Giovedì 22 marzo 14.30 • Ospedale del Ceppo.
Inizio del 2° Stage formativo per i piccoli con letture da libri sulla natura. Partecipano i Pellegrini della lettura con G. Quarenghi.

• Giovedì 22 marzo 16.00 • Palazzo Panciatichi – Sala del Gonfalone della Regione Toscana (Firenze).
La donna poeta Zhai Yongming tiene la terza delle “Piero Bigongiari Lectures”, “La sorgente comune di poesia e pittura”. Conduce: P.F. Iacuzzi. Interventi: F. Stella, M. Canfield, C. Pozzana.

• Venerdì 23 marzo 10.00 • Sala Maggiore Palazzo Comunale.
Zhai Yongming incontra gli studenti. Conduce P.F. Iacuzzi. Interviene C. Pozzana. Partecipano i ragazzi dei Licei Forteguerri-Vannucci, Liceo artistico Petrocchi, Liceo Linguistico Pacini, Liceo Mantellate.

• Venerdì 23 marzo 14.30 • Liceo Artistico Petrocchi.
Incontro con Cornia, Mancassola, Vichi vincitori dei Premi Selezione Ceppo. Conduce Isaac Tarantino con T. Lombardi.

• Venerdì 23 marzo 19.00 • Circolo Arci Capostrada, Biblioteca da Bar.
Incontro con Cornia, Mancassola, Vichi. Letture di racconti inediti. Presenta P.F. Iacuzzi, con Chiara Belliti e Giuseppe Grattacaso.

• Sabato 24 marzo 9.30 • Piccolo Teatro Bolognini.
Premiazione delle recensioni scritte e multimediali sui racconti di Cornia, Mancassola e Vichi. Partecipano A. Bertoni, M. De Angelis, con la collaborazione di Isaac Tarantino.

• Sabato 24 marzo 16.30 • Sala Maggiore Palazzo Comunale.
Premiazione di Cornia, Mancassola e Vichi e votazione della Giuria dei Giovani lettori per il premio Ceppo Pistoia. Letture dai racconti vincitori eseguite dai Lettori Uniti del Ceppo. Premiazione di Zhai Yongming, dibattito con Claudia Pozzana e letture di poesie inedite. Interventi di V. Brachi e G. Livi.



10 marzo 2012
Pistoia • Museo di Pistoia Sotterranea all’Ospedale del Ceppo • Conferenza stampa di definizione della vincitrice del Premio Ceppo Piero Bigongiari (Zhai Yongming) e presentazione del Progetto Lettori Uniti del Ceppo.

18 febbraio 2012
Pistoia • Biblioteca San Giorgio, ore 15 • Conferenza stampa di definizione dei vincitori del Premio Selezione Ceppo finalisti al Premio Ceppo Pistoia:Ugo Cornia, Marco Mancassola, Marco Vichi. Consegna dei tre libri finalisti ai 21 giurati dai 15 ai 35 anni componenti della Giuria dei Giovani Lettori e partecipanti alla Sezione C del Premio Laboratorio Ceppo Ragazzi per una recensione animata.

28 gennaio 2012
Pistoia • Sala Piero Bigongiari, ore 12 • Conferenza stampa della Giuria per la definizione della rosa dei 10 finalisti al Premio Selezione Ceppo e definizione premi speciali Ceppo Natura a Tiziano Fratus e Ceppo Ragazzi a Ermina Dell’Oro.

4 agosto 2011
• Il poeta premio Ceppo Internazionale “Piero Bigongiari” parteciperà al XXIII Corso di Scrittura creativa (ottobre 2011-aprile 2012).
• Il corso è organizzato dalla rivista «Semicerchio, partner culturale del Premio. Clicca qui per scaricare il Programma del corso .

1° luglio 2011
• Bando-Regolamento del 56° Premio Ceppo Pistoia. La 56ª edizione del Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia 2012 è riservata al racconto.
• Sono ammessi a concorrere i volumi di racconti in lingua italiana di autori viventi pubblicati dopo il 1° ottobre 2009.
• I volumi (11 copie) vanno inviati entro il 20 novembre 2011.
• Per saperne di più scarica il  Bando regolamento .

56° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia

Dal “Comunicato stampa 3 finalisti al Premio Selezione Ceppo”

I tre finalisti al Premio Ceppo Ugo Cornia, Marco Mancassola, Marco Vichi
La parola ai 21 lettori della Giuria collegati al Premio Ceppo Ragazzi aperto a tutti i giovani da 15 a 35 anni

I TRE SCRITTORI FINALISTI

La Giuria del 56° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia, presieduta da Paolo Fabrizio Iacuzzi, dopo un’attenta valutazione ha stabilito le opere dei tre scrittori finalisti al Ceppo Pistoia.


Ugo Cornia, Operette ipotetiche, Quodlibet 2010
La cinica e ironica, ma profonda riflessione sull’esistenza condotta con stile rapsodico, freschezza e vivacità narrativa di rara maestria che fa di Ugo Cornia il degno erede della prosa immaginifica di Saint-Exupéry.
Ugo Cornia – E’ nato a Modena nel 1965, dove insegna filosofia e sostegno in una scuola secondaria. Ha esordito su «Il semplice» (1995-1997), la rivista a cura di Gianni Celati, Ermanno Cavazzoni e Daniele Benati; altri racconti sono editi su «Diario», «Il Caffè illustrato» e «L’accalappiacani». Opere pubblicate: Sulla felicità a oltranza (Sellerio 1999); Quasi amore (Sellerio 2001); Roma (Sellerio 2004); Le pratiche del disgusto (Sellerio 2007); Sulle tristezze e i ragionamenti (Quodlibet 2008); Le storie di mia zia (e di altri parenti) (Feltrinelli 2008), Modena è piccolissima (con Giuliano Della Casa, EDT 2009); Autobiografia della mia infanzia (Topipittori 2010).

Marco Mancassola, Non saremo confusi per sempre, Einaudi 2011.
Un’operazione quasi “calviniana”, che riprende cinque fatti di cronaca che negli ultimi trenta anni hanno scosso l’opinione pubblica e ne modifica la percezione, tanto che il mero fatto e il reportage del dolore si trasformano in una sorprendente possibilità di rinnovamento e di scoperta.
Marco Mancassola – Nato nel 1973 in provincia di Vicenza, vive in Inghilterra. Ha pubblicato i romanzi Il mondo senza di me (Pequod 2001); Qualcuno ha mentito (Mondadori 2004); La vita erotica dei superuomini’ (Rizzoli 2008); il saggio Last Love Parade: storia della cultura dance, della musica elettronica e dei miei anni (Mondadori 2005) e i racconti Il ventisettesimo anno: due racconti sul sopravvivere (Minimum Fax 2005). Con Christian Raimo cura sulla rivista Rolling Stone la rubrica Italia, amore.

Marco Vichi, Buio d’amore, Guanda 2010
I racconti di un amore faustiano, fatto di dannazione ed elevazione, dove la ricerca è già in qualche modo una conquista: le indagini, intime e personali, che seguono le tracce, tra paesaggi esotici e notti fiorentine, di un’unica ombra, quella del’io protagonista.
Marco Vichi – Nato nel 1957 a Firenze, vive nel Chianti. E’ autore di racconti, testi teatrali e romanzi, tra cui la fortunata serie del commissario Bordelli, ambientata nella Firenze degli anni sessanta, pubblicata dal 2002 da Guanda. Nel 2009 pubblica Morte a Firenze. Tra i suoi ultimi titoli: Noi, soli. Oberto e Maria (Mauro Pagliai Editore, 2010); Un tipo tranquillo (Guanda 2010); Morto due volte (con Werther Dell’Edera, Guanda 2010); La forza del destino (Guanda 2011).
LA GIURIA DEI GIOVANI LETTORI

La parola ai 21 Giovani Lettori Giurati, di età compresa fra i 15 e i 35 anni. In 15 anni (dalla 40a edizione quanto è stata abbassata l’età della Giuria dei Giovani Lettori) se ne sono avvicendati più di 350. I giurati voteranno il 24 marzo 2012 i tre libri dei tre scrittori finalisti, durante la cerimonia di premiazione, in Sala Maggiore del Palazzo Comunale alle 16,30. Le copie delle opere sono state distribuite sabato 18 febbraio, alle ore 15 presso la Sala Piero Bigongiari della Biblioteca San Giorgio di Pistoia.

1. Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia: Giulio Venturi
2. Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia s.p.a: Francesca Signorini
3. Provincia di Pistoia: Emma Bartolini
4. Lions Club Pistoia: Matilde Cocchi
5. Aci di Pistoia: Federico Bartoli
6. Comune di Pistoia-Biblioteca San Giorgio: Omar Lastrucci
7. Comune di Pistoia-Associazione amici della Biblioteca Forteguerriana: Francesca Rafanelli Maffucci
8 Comune di Montale: Alba Gai
9. Comune di Agliana: Francesca Matteini
10. Azienda Piante Mati: Antonio Mati
11. Libreria Giunti al Punto di Pistoia: Cristina Bruni
12. Associazione Industriali di Pistoia: Sara Tesi
13. Libreria Spazio di Via dell’Ospizio: Paolo Baldi
14. Liceo Classico Forteguerri: Chiara Balestrino
15. Liceo Pedagogico “A. Vannucci”: Brigjilda Gocaj
16. Liceo Sociale “A. Vannucci”: Vettori Francesco
17. Liceo Scientifico “Duca d’Aosta”: Rachele Landini
18. Liceo Linguistico “F. Pacini”: Eleonora Bonacchi
19. Liceo Artistico “N. Petrocchi”: Linda Baldi
20. Liceo Scientifico “Suore Mantellate”: Leonardo Noci
21. Associazione per la promozione del benessere psichico: Leonardo Boccardi.
LE NOVITÀ DI QUEST’ANNO: IL PREMIO CEPPO RAGAZZI

1. Oltre a leggere i racconti nei tre libri finalisti, i 21 giurati parteciperanno alla seconda edizione del Premio Laboratorio Ceppo Ragazzi per la recensione animata, che consiste nello scegliere il loro racconto preferito, recensirlo con uno scritto o realizzare un booktrailer video.
• In palio ci sono 600 euro in buoni libro della Libreria Spazio di Via dell’Ospizio offerti da Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia Spa e dalla Fondazione Caript.
• Completando il progetto del premio laboratorio lanciato nella scorsa edizione, con oltre mille i ragazzi coinvolti, dalla scuola dell’infanzia alla primaria alla secondaria superiore e fino ai ragazzi di 35 anni, tutti sono coinvolti nel progetto della promozione della lettura e della scrittura, che coinvolge, oltre alle scuole, la Biblioteca San Giorgio in un rapporto fra istruzione e cultura che è la missione dell’Accademia del Ceppo.
• Le iscrizioni al Premio Laboratorio Ceppo Ragazzi sezione C sono aperte, per informazioni: www.accademiadelceppo.it; mail cepporagazzi@gmail.com . C’è tempo fino al 10 marzo per partecipare inviando le recensioni.

2. In oltre 15 anni, sono stati oltre 300 i giovani giurati che si sono avvicendati nella Giuria dei Giovani Lettori, che hanno letto e giudicato le opere in concorso sempre con grande obiettività critica e al di là delle logiche editoriali o delle fazioni.
• Da quest’anno col Ceppo Ragazzi i Giurati entrano a far parte del Progetto educativo Lettori Uniti del Ceppo, che verrà presentato nella sua completezza Sabato 10 marzo alle ore 11,30 presso Pistoia Sotterranea dell’Ospedale del Ceppo.

56° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia

Lo scrittore Marco Mancassola vince il 56° Premio Letterario
Alla poetessa cinese Zhai Yongming il Premio Internazionale Piero Bigongiari

Vince la 56° edizione del Premio Letterario del Ceppo di Pistoia, assegnato ogni anno alternatamente a una raccolta di racconti e una raccolta di poesie, lo scrittore vicentino Marco Mancassola con i racconti “Non saremo confusi per sempre”(Einaudi, 2011). Il poeta Milo De Angelis, nella motivazione del premio scrive che l’autore «trasforma cinque episodi di cronaca italiana in cinque affreschi storici e interiori».

Alla premiazione, che si è tenuta il 24 marzo nella Sala Maggiore del Palazzo Comunale di Pistoia, hanno partecipato anche gli altri due autori finalisti Ugo Cornia con “Operette Ipotetiche” (Quodlibet, 2010) e Marco Vichi con “Buio d’amore” (Guanda, 2010).

La rosa rei tre finalisti è stata scelta dalla Giuria Letteraria del Ceppo composta da scrittori e poeti. La scelta finale è stata effettuata dalla Giuria di 21 giovani lettori tra i 15 e i 35 anni. Mancassola dice: «Sono felice di aver incontrato dei giovani lettori e di aver condiviso questa esperienza con loro».

Mancassola si è riferito non solo ai 21 componenti della Giuria dei Giovani Lettori che, alla seconda votazione, gli hanno assegnato il Premio con la maggioranza relativa di 11 voti, ma anche al Premio Ceppo Ragazzi che nella mattina dello stesso sabato 24 marzo è stato assegnato alle migliori recensioni scritte e multimediali eseguite dai ragazzi dai 15 ai 35 anni.

Sei ragazzi dei Licei Forteguerri-Vannucci e Liceo Scientifico Mantellate aderenti alProgetto Educativo Lettori Uniti del Ceppo, a cura di Paolo Fabrizio Iacuzzi e Ilaria Tagliaferri con la collaborazione di Calogero Armato, hanno letto brani dai tre racconti vincitori che la Giuria Letteraria ha reso noti durante la cerimonia di premiazione.

Nel corso della cerimonia è stato assegnato il Premio Internazionale Piero Bigongiari a Zhai Yongming. Maggiore poetessa contemporanea cinese, oltre che artista e sceneggiatrice (partecipazione a Cannes 2008), si è distinta per la sua poesia in difesa dei diritti delle donne, sin dall’esordio negli anni Ottanta del Novecento come prima espressione di istanze femministe nella Cina post Rivoluzione Culturale.

Dopo aver tenuto, giovedì 22 marzo, una Lectio Magistralis “La sorgente comune di poesia e pittura” a Firenze nell’ambito degli appuntamenti culturali ospitati dalla Regione Toscana e aver incontrato gli studenti delle scuole di Firenze e di Pistoia e provincia, Zhai Yongming, nel corso della serata di premiazione, ha tenuto una lettura di alcune poesie scelte dalla sua vasta produzione con traduzione e commento della maggiore esperta di letteratura cinese in Italia, la professoressa Claudia Pozzana dell’Università di Bologna. Ha anche risposto alle domande che il Presidente della Giuria Letteraria le ha rivolto.

Prima poetessa femminista della Cina post rivoluzione culturale (1966-76), ha esordito nel 1986 con la suite di 19 poesie intitolata Nüren (Donne) a metà tra introspezione e denuncia della condizione della donna in Cina nei primi anni Ottanta, aprendo la strada a un vivace e agguerrito movimento letterario femminile che ha scosso l’establishment culturale del Paese del Sol Levante sino ai primi anni Novanta. Non a caso preferisce essere definita “donna-poeta” piuttosto che poetessa Alla prima raccolta di poesie ne sono seguite altre, tutte incentrate sull’universo femminile, dalle bambine prostitute, agli abusi sessuali sino alle storie difficili di madri sole. La denuncia è resa ancora più forte dall’uso di un  linguaggio che fa diretto riferimento al dato quotidiano e che nel ritmo risente dell’influenza del rock alternativo occidentale, clandestinamente frequentato.

Anticonformista e refrattaria a ogni tipo di etichetta, nel 1998, dopo un soggiorno in America e vari viaggi in Europa, ha aperto nella sua città natale il caffè letterario White Nights (Notti Bianche) che, con i ritratti di Virginia Woolf, Gertrude Stein e Frida Kahlo alle pareti e scaffali carichi di libri, è subito diventato luogo di aggregazione di giovani scrittori, artisti e designer e centro di divulgazione di un nuovo spirito critico nei confronti della società cinese contemporanea.

Zhai Yongming ha vissuto in prima persona le profonde mutazioni nell’assetto socio-culturale cinese a partire dall’adolescenza sotto Mao Tse-tung, quando dopo il diploma ha dovuto lavorare per due anni nelle campagne secondo quanto richiesto dalla politica della Rivoluzione Culturale, sino ai veloci mutamenti sociali del presente e la precarietà che ne deriva, messi in luce nella sceneggiatura che ha curato per il film 24 City, del regista cinese Jia Zhangke nel 2008 (in concorso al Festival di Cannes dello stesso anno), in cui si narra la vicenda di tre generazioni di lavoratori alle prese con lo smantellamento di una fabbrica di Stato di componenti di aerei al cui posto viene costruito un complesso residenziale che dà il titolo al lungometraggio.

Inserita nella classifica del 2005 dei cinquanta personaggi cinesi più influenti, stilata dalla rivista liberale cinese Southern People Weekly, negli ultimi anni ha realizzato una serie di performance artistiche che hanno al centro nuovamente la donna e una marcata denuncia sociale.

Il Premio Ceppo Internazionale, curato da Paolo Fabrizio Iacuzzi e dedicato alla memoria del poeta e critico Piero Bigongiari, viene assegnato ogni anno dall’Accademia del Ceppo di Pistoia a un autore straniero con particolare attenzione alle realtà internazionali interessate da profonde trasformazioni socio-culturali. Tra le nazioni ospitate nelle precedenti edizioni, il 2008 è stato l’anno del Perù con la consegna del premio allo scrittore Mario Vargas Llosa (vincitore poi del Premio Nobel nel 2010), la spagna di Zapatero col poeta spagnolo Antonio Carvajal Milena nel 2010, mentre l’edizione del 2011 ha visto coincidere l’assegnazione del premio al poeta marocchino Mohammed Bennis con i movimenti di protesta tra medio oriente e nord Africa noti col nome di “primavera araba”.

Seguimi sui social networks:

info@paolofabrizioiacuzzi.it

*/ ?>

© 2021 Paolo Fabrizio Iacuzzi - Accademia Internazionale del Ceppo - Tutti i diritti riservati. Privacy Policy