Premio Letterario
Internazionale Ceppo Pistoia

Marta Morazzoni

Marta Morazzoni vince il 64° Premio Ceppo Letteratura e Vita Leone Piccioni 2020 grazie a Fondazione Caript e Amici di Leone Piccioni.

Premiazione: Giovedì 23 luglio 2020, ore18,30. Palazzo Fabroni. 

Scopri il programma completo del Ceppo Biennale Racconto 2020

Marta Morazzoni tiene la prima Ceppop Leone Piccioni Lecture intitolata “Alla ricerca della voce” che viene pubblicata dalla rivista on line SuccedeOggia cura di Paolo Fabrizio Iacuzzi. 

La Lecture è stata scritta in occasione del conferimento del Premio Ceppo Letteratura e Vita Leone Piccioni, grazie a Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e agli Amici di Leone Piccioni.

Il Premio Letteratura e Vita, dedicato al critico letterario Leone Piccioni (1925-2018), fondatore del Premio Ceppo nel 1955.

AmiciLPScrittrice raffinata e sensibile di racconti e romanzi prevalentemente ambientati nella Grecia antica, nell’Europa medioevale, nel Rinascimento o nel secolo dei Lumi, Marta Morazzoni è stata tra le autrici più seguite e apprezzate da Leone Piccioni sin dall’esordio nel 1986 con la raccolta di racconti La ragazza col turbante (Guanda). L’autrice milanese ha recentemente scritto Il dono di Arianna, pubblicato da Guanda.

 


La motivazione di Silvia Zoppi Garampi

 

Marta Morazzoni è la vincitrice del Premio Ceppo Letteratura e Vita Leone Piccioni, sostenuto dall’associazione Amici di Leone Piccioni, per le alte doti narrative della sua scrittura, espresse nella capacità di esplorazione di coinvolgenti personaggi, nelle sfumature stilistiche, nella forza poetica delle descrizioni. Scrittrice raffinata e sensibile di racconti e romanzi prevalentemente ambientati nella Grecia antica, nell’Europa medioevale, nel Rinascimento o nel secolo dei Lumi, Marta Morazzoni è stata tra le autrici più seguite e apprezzate da Leone Piccioni sin dall’esordio nel 1986 con la raccolta di racconti La ragazza col turbante (Guanda). L’autrice milanese ha recentemente scritto Il dono di Arianna, sempre pubblicato da Guanda.

Morazzoni si distingue per una scrittura che intreccia il documento storico, una singolare introspezione dei caratteri umani e l’originale quanto persuasiva capacità di rileggere i miti letterari rispettandone i cardini fondanti. Ne deriva una narrazione tesa e densa che vitalizza aspetti minori e più reconditi di episodi dell’epos greco come della cronaca meno lontana. La penna della scrittrice coglie dalla tradizione dati minuti, un aggettivo o una semplice frase per imbastire avvincenti sequenze narrative, meditazioni interiori, trame che interrogano e inquietano. L’arte di Morazzoni privilegia la forma breve, innestandosi in una tradizione italiana che dagli Exempla duecenteschi giunge a Verga e Pirandello, Tozzi e Bilenchi; soprattutto, il suo sguardo su un campo geografico-temporale ampio, ci riporta alle felici perlustrazioni narrative di alcune giornate del Decameron.


L’inizio della Ceppo Leone Piccioni Lecture 2020 (in arrivo)


Chi è Marta Morazzoni
Nata a Milano, ha insegnato lettere in una scuola superiore. La ragazza col turbante (1986), il suo primo libro, ha avuto uno straordinario successo critico in Italia e all’estero, ed è stato tradotto in nove lingue. L’invenzione della verità è stato premio selezione Campiello nel 1988, Casa materna nel 1992. Il caso Courrier ha vinto il premio Campiello nel 1997 e l’Independent Foreign Fiction Award nel 2001. Fra i suoi libri anche: L’estuario (1996), Una lezione di stile (2002), Un incontro inatteso per il consigliere Goethe (2005), La città del desiderioAmsterdam (2006), La nota segreta (2010) e Il fuoco di Jeanne (2014). Nel 2018 ha vinto il premio Campiello alla Carriera.

Seguimi sui social networks:

info@paolofabrizioiacuzzi.it

*/ ?>