Premio Letterario
Internazionale Ceppo Pistoia

Eleonora Marangoni è la vincitrice del Premio Ceppo Selezione Racconto 2022, con il libro di racconti “E siccome lei”, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Premiazione 8 maggio 2022.


Eleonora Marangoni al 66° Premio Internazionale Ceppo Pistoia 2022


La motivazione del Premio Ceppo Selezione Racconto a Eleonora Marangoni per “E siccome lei” (Feltrinelli 2021), scritta da Benedetta Centovalli, giurata del Premio.

Eleonora Marangoni vince il Premio Ceppo Selezione Racconto 2022 con il libro E siccome lei (Feltrinelli 2020), sua seconda prova narrativa dopo il romanzo Lux (Neri Pozza 2018), per la sua originale capacità di utilizzare un’ampia tastiera di registri e temi. Nel libro rivive, attraverso i suoi personaggi femminili, la grande e indimenticabile Monica Vitti: “Ognuna delle donne che Monica Vitti è stata al cinema si porta dietro un destino, una personalità e un modo di stare al mondo. Questo libro nasce dal desiderio di osservarle da vicino e regalare a ciascuna di loro un altro po’ di vita e di spazio, e provare così a ricomporre un’immagine di lei, di quello che è stata e che ancora oggi rappresenta”, così le parole della stessa autrice.

Oggi che Monica Vitti ci ha lasciati per l’ultima sua destinazione, le quarantasette donne da lei interpretate in trentacinque anni di carriera, nella loro reinvenzione narrativa, si fanno ancora più vivide, formano un unico corale ritratto d’artista, un racconto fatto di molte voci che restituiscono vita ulteriore alle singole protagoniste, alla loro interprete insieme ai grandi e grandissimi registi (Antonioni, Risi, Monicelli, Scola, Sordi, Bunuel, Losey…) che le avevano immaginate. Claudia, Teresa la ladra, Assunta Patanè… donne ansiose, pensose, riflessive, gelose, allegre, ironiche, eccentriche, vitali, proletarie, altoborghesi, sexy, imbranate, combattive, mai lamentose o animate da cartelli di propaganda femminista, pronte a raccontarsi tuffandosi fino in fondo con generosità e coraggio nella verità della loro storia. Marchesi disse che la Vitti era “una matta che si crede di essere la Vitti”, sta tutto qui l’eterno gioco tra realtà e finzione.


Chi è

ELEONORA MARANGONI (Roma, 1983), laureata a Parigi in Letteratura comparatalavora come copywriter e consulente di comunicazione. Ha pubblicato il saggio Proust et la peinture italienne (2011), il romanzo illustrato Une demoiselle (2013), il saggio Proust. I colori del tempo (Mondadori Electa 2014), il romanzo d’esordio Lux (Neri Pozza 2018), entrato nella dozzina del Premio Strega. Nel 2020 ha pubblicato il saggio Viceversa. Il mondo visto di spalle (Johan & Levi).

Seguimi sui social networks:

info@paolofabrizioiacuzzi.it

*/ ?>