Premio Letterario
Internazionale Ceppo Pistoia

19 febbraio 2017

logo61_ceppo_Termini

Nelle lectio di Svenbro, Nemat e Geda: no alla tortura, sì all’accoglienza dei migranti • Premi a Di Palmo, Piersanti, Villalta • Premio alla carriera a Carifi • Premi agli under 35 Babini, Baldi, Federico • Ospite speciale Montesano con i “Lettori selvaggi”

La Giuria del 61° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia, presieduta da Paolo Fabrizio Iacuzzi, dopo un’attenta valutazione ha decretato le opere vincitrici del Premio Selezione Ceppo Pistoia, che sono scritte da: PASQUALE DI PALMO, UMBERTO PIERSANTI, GIANMARIO VILLALTA. Ma la Giuria Letteraria ha scelto anche una terna di tre poeti under 35: LORENZO BABINI, MASSIMO BALDI, PIETRO FEDERICO. Seconda novità: saranno votati dalla stessa Giuria dei Giovani Lettori, con votazione separata, il 18 marzo in Sala Maggiore del Palazzo Comunale. Terza novità: a ROBERTO CARIFI va il Premio alla carriera “Pistoia Capitale della Poesia”, cui renderanno omaggio i tre poeti della Giuria Letteraria: Milo De Angelis, Alberto Bertoni, Paolo Fabrizio Iacuzzi. Quarta novità: ci sarà la lectio di GIUSEPPE MONTESANO, autore di “Lettori selvaggi” (Giunti Editore), un libro capitale per Pistoia Capitale della Poesia. Con omaggi alla poesia iraniana di Forugh Farrokhzad alla presenza di Marina Nemat; Jasper Svenbro renderà omaggio a Bigongiari e Zeichen; Fabio Geda farà un omaggio a Robert Frost.

 

DICHIARAZIONE GENERALE DI PAOLO FABRIZIO IACUZZI, DIRETTORE DEL PREMIO

“La poesia contro la negazione dei diritti civili. E’ questo il filo conduttore degli incontri del 61° Ceppo. I titoli vincitori-finalisti al Ceppo Poesia, Trittico del distacco di DI PALMO, Nel folto dei sentieri di PIERSANTI, Telepatia di VILLALTA guidano il lettore davanti a uno specchio, a indicare una via percorribile nello smarrimento dell’attualità e nella pericolosa deriva dei populismi internazionali, con l’invito a un ritorno alle origini, visto negli occhi degli ultimi, con un viaggio nel rispetto della natura, ripensando il passato come tutela e memoria degli affetti. Sul fronte delle nuove voci, indicando come vincitori-finalisti al Ceppo Under 35 i poeti BABINI con Santa Ricchezza, BALDI con Perimetri domestici, FEDERICO con Mare aperto abbiamo proposto opere che si muovono sul territorio delle passioni, dalle difficili prove d’amore al bruciante impegno politico alla scoperta dissonante della maturità. Grande novità: entrambe le terne saranno votate dalla stessa Giuria dei Giovani Lettori. A unire idealmente questi due mondi poetici, tra riflessione e contemplazione, dolore e dissoluzione del sé, la Giuria ha identificato in CARIFI il portavoce della poesia di Pistoia nel mondo, dandogli il nuovo Premio Ceppo Pistoia Capitale della Poesia. Una pluralità di voci che negli ultimi 10 anni ha contraddistinto il Premio con l’apertura alla letteratura straniera, quest’anno rappresentata dalla poesia di SVENBRO (Ceppo Bigongiari), dalla narrazione di NEMAT (Premio Ceppo Nonfiction) e dalla letteratura per ragazzi e insieme per gli adulti di GEDA (Ceppo per l’infanzia e l’adolescenza), tre voci forti che dicono no alla tortura e alla pena di morte, e sì all’accoglienza dei migranti e degli ultimi. Senza dimenticare le “Lectures” che il Ceppo propone: la Ceppo Piero Bigongiari Lecture di Svenbro (Trittico poetico: Saffo, Rimbaud, Valentino Z. Con un omaggio a Bigongiari, nel volume di poesie inedite a livello mondiale Il nome della figlia di Saffo (Settegiorni – Premio Internazionale Ceppo, 2017); la nuova Ceppo Regione Toscana Lecture di Nemat (Da Teheran a Toronto. La mia storia raccontata agli studenti con una lettera aperta a Donald Trump) e la Ceppo Ragazzi Lecture di Geda (Il potente spettacolo della realtà nelle storie). Con grande impegno e dedizione e con il contributo di enti pubblici e privati siamo riusciti a preparare un’edizione davvero speciale, che comprende anche il Ceppo Ragazzi (con recensioni animate su Geda) e il Ceppo Giovani (con recensioni su i tre finalisti al Premio Ceppo e su Marina Nemat). Vorremmo dire che occorrono recensioni “selvagge” dei libri, per riprendere il titolo del fortunato libro di Giuseppe MONTESANO, Lettori selvaggi (Giunti 2016) di Giuseppe Montesano, ospite d’onore del Premio, che proporrà ai ragazzi la nuova Ceppo Arte-Poesia Lecture (Dalle grotte di Lascaux a Blake a Bob Dylan)”.

 

LA TERNA FINALISTA AL PREMIO CEPPO POESIA

I tre poeti vincono ciascuno 1000 euro (Premio Selezione Ceppo), mentre il vincitore avrà un supplemento di 1000 euro (Premio Ceppo). Tutti i premi sono offerti da Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Una terna eccezionale, che conferma l’alto livello culturale e il prestigio che il Ceppo ha raggiunto, confermata anche dall’attenzione e del pubblico dei lettori e dei media qualificati.

PASQUALE DI PALMO, TRITTICO DEL DISTACCO, PASSIGLI, 2015 

UMBERTO PIERSANTI, NEL FOLTO DEI SENTIERI, MARCOS Y MARCOS, 2015. 

GIAN MARIO VILLALTA, TELEPATIA, LIETOCOLLE, 2016

 

LA TERNA FINALISTA AL PREMIO CEPPO UNDER 35 POESIA

I tre poeti vincono ciascuno 150 euro (Premio Ceppo Under 35 Selezione Poesia), mentre il vincitore avrà un supplemento di 250 euro (Premio Ceppo Under 35). Tutti i premi sono offerti da Banca del Chianti

LORENZO BABINI, SANTA RICCHEZZA, CARTA CANTA EDITORE, 2016. Per i versi che rimandano a una musicalità psichedelica, trasognata. Babini svela l’essenziale in un viaggio esperienziale che scende nei contatti primari, nei sensi, per intercettare sfuggenti ectoplasmi. Lorenzo Babini (Ravenna, 1990) vive e lavora a Milano, dove si è laureato in Filologia Moderna all’Università Cattolica. È stato responsabile dell’associazione studentesca “Versi Liberi” e ha collaborato con diversi blog letterari e con le riviste «Poesia» e «Bollettino ‘900». Ha tradotto L’Enfer du bibliophile di Charles Asselineau (L’Inferno del bibliofilo, La Vita Felice, Milano 2014). Suoi testi sono apparsi, oltre che su blog e riviste, nella piccola antologia a cura di Massimiliano Mandorlo Davanti agli occhi c’è un ponte (Alla chiara fonte editore). Santa Ricchezza è la sua prima raccolta organica, con la quale ha vinto il Premio Ceppo Under 35 Selezione Poesia.

MASSIMO BALDI, PERIMETRI DOMESTICI. POESIE 2007-2013, THEDOTCOMPANY EDITORE, 2015 Per il verso rastremato, rifinito con meticolosità e sapienza. Baldi crea una tensione che percorre l’intera raccolta, nel continuo confrontarsi tra io e mondo. Massimo Baldi (Pistoia, 1981), poeta e dottore di ricerca e professore abilitato in Estetica e Filosofia del linguaggio, si è dedicato soprattutto allo studio del pensiero e della letteratura della Germania del XX secolo, con particolare attenzione a Walter Benjamin e Paul Celan. A quest’ultimo ha dedicato il libro Paul Celan. Una monografia filosofica (Carocci Editore, 2013). Le sue raccolte poetiche sono: Dopoguerra nelle vertebre. Poesie 2001-2007, I Quaderni del Battello Ebbro, 2008; Perimetri domestici. Poesie 2007-2013, Thedotcompany Editore, 2015, con il quale ha vinto il Premio Ceppo Under 35 Selezione Poesia.

PIETRO FEDERICO, MARE APERTO, ARAGNO, 2015 Per l’accumulo di suggestioni che le poesie sanno creare. Federico costruisce quasi un’antologia di Spoon River per voce sola, dove l’osservazione e registrazione del mondo si fa specchio dell’io. Pietro Federico (Bologna, 1980) è poeta, scrittore e traduttore e vive tra Stati Uniti e Italia. Laureatosi in lettere Classiche ha dato inizio, presso l’editore Raffaelli di Rimini, a una collana di traduzione letteraria chiamata “Dromos”. Ha poi conseguito un Master in Sceneggiatura cinematografica e televisiva. In parallelo svolge un’attività di traduttore letterario per alcune case editrici. Svolge anche un’attività di copywriting e marketing in campo pubblicitario e di story editing in campo cinematografico. Tra le sue opere: Via Crucis (Ladolfi Editore, 2014); Mare aperto (Aragno, 2015), con il quale ha vinto il Premio Ceppo Under 35 Selezione Poesia.

 

L’OMAGGIO A ROBERTO CARIFI PREMIO PISTOIA CAPITALE DELLA POESIA

La Giuria Letteraria ha deciso di assegnare il Premio Ceppo Pistoia Capitale della Poesia di 1000 euro al poeta Roberto Carifi per l’intera sua opera letteraria e critica svolta nell’arco di quarant’anni di attività. Carifi aveva già vinto il Ceppo a neanche 40 anni, nella 31° edizione del 1987, con L’obbedienza (Crocetti, 1986), e così Pampaloni scriveva nella motivazione: «”Dall’altalena al nulla” può essere una bella formula riassuntiva dello spazio poetico di Carifi, e del suo linguaggio, scabro, povero, insistito, e duro trasparente come un cristallo». A distanza esatta di trent’anni il Premio Internazionale Ceppo intende ribadire quel giudizio: da Simulacri a Figure dell’abbandono la poesia di Carifi conferma la sua vocazione al pensiero e alla contemplazione, al destino e all’amore, all’esilio e al dolore in un cammino anteriore all’infanzia e alla vita che diventa sempre ulteriore nel nulla e nella morte. La figura della madre è al centro della sua opera, che è un cammino verso una redenzione impossibile, ma che pure trova in lei l’essenza della pietà e della compassione. Roberto Carifi (Pistoia, 1948), poeta, filosofo, scrittore, traduttore e critico letterario, è una delle voci più significative della poesia italiana contemporanea. All’insegnamento di filosofia nei licei ha affiancato un’intensa attività come traduttore (Rilke, Trakl, Hesse, Bataille, Flaubert, Racine, Simone Weil, Prévert, Rousseau, Maunick, Michon) e come autore di saggi letterari, testi filosofici e racconti. La sua firma è comparsa su numerosi quotidiani e mensili tra cui “Alfabeta”, “Paese Sera”, “l’Unità”, “Il Giornale” oltre ad avere una rubrica sulla rivista “Poesia” e essere stato tra i fondatori della rivista “L’altro versante”. Sue poesie sono state tradotte, oltre che nei paesi di lingua spagnola, anche in Inghilterra e negli Stati Uniti.

 

LECTIO ARTE-POESIA DI GIUSEPPE MONTESANO, OSPITE SPECIALE

In occasione di Pistoia Capitale della Poesia e in coincidenza con l’uscita del libro Lettori selvaggi. Dai misteriosi artisti della Preistoria a Saffo a Beethoven a Borges la vita vera è altrove (Giunti 2016), la Giuria Letteraria, a completamento del Progetto educativo Pistoia Capitale della Poesia, ha anche previsto “una lectio non magistralis” su Arte e poesia, estasi e sogno: dalle grotte di Lascaux a Blake a Bob Dylan, tenuta dallo scrittore Giuseppe Montesano (Napoli, 1959), venerdì 10 marzo, dalle 9,30 alle 12: Montesano renderà un omaggio il 10 marzo anche a Marcello Pagnini (1921-2010), pistoiese, già docente di letteratura inglese all’Università di Firenze, e alla sua traduzione e cura di Jerusalem di William Blake (Giunti 1994). Quello di Montesano è un grande libro di quasi 2000 pagine, e sarà presentato il giorno giovedì 9 marzo, alle ore 18 presso la Libreria Giunti al Punto di Pistoia. La ricerca continua di nuove vie per il racconto è all’origine della sua ultima fatica, un’opera-mondo che racconta la creatività umana, la letteratura, il pensiero, le arti figurative e la musica, andando oltre la definizione di romanzo o saggio. Scrive Roberto Saviano su “Repubblica”: «Pino Montesano, come è sua abitudine, ci sfida a compiere un’operazione impossibile. Ci invita a compiere un atto selvaggio di approccio ai pensatori del presente e del passato, in una composizione letteraria che non teme accostamenti e che, anzi, di quelli si nutre. Queste pagine ti rendono lettore selvaggio, senza confine, senza categoria. Tutto insieme, arte, storia, romanzo, teoretica e teologia. Il lettore selvaggio se ne frega dei perimetri di genere e disciplina, attratto romanticamente da tutto ciò che non è catalogabile, che non è sintetizzabile, che non è riconducibile a quella cultura dello snack, del post, del pasto veloce, dell’immediata occasione, della lettura distratta che domina il nostro tempo…. Ha trasformato l’enciclopedia in racconto di una vita, in racconto di un percorso. Di un percorso che appartiene a tutti.» Giuseppe Montesano è scrittore, critico letterario, traduttore di letteratura francese (La Fontaine, Gautier, Flaubert, Villiers de l’Isle-Adam, Baudelaire, di cui ha curato l’edizione nei «Meridiani» con G. Raboni) e docente di filosofia al liceo Cartesio di Giugliano (Napoli). Collabora con “Il Mattino”, “Il Messaggero” e “l’Unità”. Ha esordito con A capofitto nel 1996. Il romanzo Nel corpo di Napoli (Mondadori, 1999) è stato finalista al Premio Strega. Di questa vita menzognera (Feltrinelli, 2003), ha ottenuto il Premio Selezione Campiello e il Premio Viareggio-Rèpaci. In Magic people (Feltrinelli, 2005) confluiscono gli esercizi di satira sociale comparsi sulle pagine de “Il Mattino”. Con il romanzo-saggio Il ribelle in guanti rosa. Charles Baudelaire (Mondadori, 2007), un’immersione totale nella vicenda biografica del poeta francese, ha vinto il Premio Vittorini. Ha curato opere di Dick, Savinio, Tournier, Malaparte, Hesse, Dumas, Ottieri.

 

LA GIURIA DEI 21 GIOVANI LETTORI UNDER 35

1 Fondazione Cassa di Risparmio Pistoia e Pescia MICHELANGELO FOCOSI

2 Liceo Linguistico Pacini BEATRICE BUCCI

3 Banca del Chianti ELENA CAMICIOTTOLI

4 Libreria Giunti al Punto DONATA CEI

5 Comune di Pistoia – Biblioteca San Giorgio-Fondo Bigongiari LAVINIA MANNELLI

6 Comune di Pistoia – Biblioteca San Giorgio ROBERTO GERACE

7 Libreria Spazio di Via dell’Ospizio MATTEO MOCA

8 Giorgio Tesi Group – Fondazione Giorgio Tesi Onlus WALTER TRIPI

9 Edizioni Via del Vento IVAN PAGLIARO

10 Provincia di Pistoia CATERINA MARCHIORO

11 Galleria Vannucci Arte GIULIA MELANI

12 Liceo linguistico Pacini COSTANZA BINDI

13 Liceo Artistico Petrocchi ENYA ARRIGONI

14 Istituto Professionale Luigi Einaudi GABRIELE VIVONA

15 Liceo scientifico d’Aosta FRATINI RACHELE

16 Liceo Scientifico D’Aosta ALESSANDRO PIERATTINI

17 Liceo scientifico d’Aosta LETIZIA BUGIANI

18 Liceo Scientifico Mantellate MICHELE PASTACALDI

19 Liceo Forteguerri 5 D Scienze umane LAVINIA FONDI

20 Liceo Forteguerri 5 C Liceo classico BRUNO MARIA RUSSO

21 Istituto Pacinotti SAMUELE LABBADIA

 

PROGRAMMA INCONTRI PISTOIA

PASQUALE DI PALMO – PREMIO CEPPO SELEZIONE POESIA

Domenica 5 febbraio

17:30 Libreria Lo Spazio di Via dell’Ospizio

20.00 Ristorante Magno Gaudio

UMBERTO PIERSANTI – PREMIO CEPPO SELEZIONE POESIA

Domenica 12 febbraio

20.00 Ristorante Magno Gaudio

Lunedì 13 febbraio

17:30 Libreria Lo Spazio di Via dell’Ospizio

GIAN MARIO VILLALTA – PREMIO CEPPO SELEZIONE POESIA

Venerdì 17 febbraio

17:30 Libreria Lo Spazio di Via dell’Ospizio

20.00 Ristorante Magno Gaudio

MARINA NEMAT – PREMIO CEPPO INTERNAZIONALE NONFICTION

Venerdì 24 febbraio

16.30 Libreria Lo Spazio di Via dell’Ospizio

18.30 Galleria d’arte Vannucci

JESPER SVENBRO – PREMIO CEPPO INTERNAZIONALE P. BIGONGIARI

Sabato 4 marzo

16.30 Libreria Lo Spazio di Via dell’Ospizio

18.30 Galleria d’arte Vannucci

GIUSEPPE MONTESANO – OSPITE SPECIALE CEPPO PISTOIA CAPITALE DELLA POESIA

Giovedì 9 marzo

18.00 Libreria Giunti al Punto

FABIO GEDA – PREMIO CEPPO LETTERATURA PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA

Martedì 14 marzo

15.30 Biblioteca San Giorgio, Auditorium Terzani

 

I POETI ITALIANI PER PISTOIA CAPITALE DELLA POESIA

ROBERTO CARIFI – Premio Ceppo Speciale Pistoia Capitale della Poesia

LORENZO BABINI, MASSIMO BALDI, PIETRO FEDERICO – Premio Ceppo Under 35 Selezione Poesia

PASQUALE DI PALMO, UMBERTO PIERSANTI, GIAN MARIO VILLALTA – Premio Ceppo Selezione Poesia

Sabato 18 marzo

Presentazione della Giuria Letteraria, votazione della Giuria dei Giovani Lettori, Premiazione

16.30 Sala Maggiore Palazzo Comunale